Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

sabato 20 giugno 2015

Il velo dipinto

«Deh, quando tu sarai tornato al mondo, / e riposato della lunga via», / seguitò ‘l terzo spirito al secondo, / «ricorditi di me, che son la Pia, / Siena mi fé, disfecemi Maremma: / salsi colui che ‘nnanellata pria / disposando m’avea con la sua gemma».

Lo scrittore W. Somerset Maugham, leggendo queste righe tratte dal Purgatorio di Dante, rimase talmente colpito, da utilizzarlo come spunto per il suo romanzo intitolato “Il velo dipinto”. Nell’opera dantesca, un marito, non avendo il coraggio di assassinare la propria moglie perché  colpevole di adulterio, allo scopo e nella speranza che morisse presto, decise di portarla nel castello in Maremma, ma poiché ciò non accadde la fece gettare dalla finestra. Nel romanzo, una donna adultera, per evitare il divorzio e uno scandalo, sceglie la proposta del marito di accompagnarlo in un luogo contaminato dal colera: in questo modo il marito, evitando lo scandalo, si libera della moglie perché col colera la morte è assicurata.
Lo scrittore intitola il romanzo come una frase tratta da un sonetto scritto da Percy Bisshe Shelley, un noto poeta inglese della prima metà dell’ottocento: “Non sollevare quel velo dipinto, che quelli che vivono  chiamano vita”.
 
Sinossi

Kitty Garstin, la protagonista del romanzo, appartiene all’alta borghesia londinese dei primi anni venti. E’ una donna frivola, superficiale, sciocca e viziata che non intende sposarsi, ma dopo le insistenze della madre, per non deluderla, per allontanarsi dalla famiglia e da una società asfissiante, decide di sposare per convenienza il dottor Walter Fane, un uomo laureato in medicina e specializzato in batteriologia. Dopo il matrimonio, i coniugi Fane si trasferiscono ad Hong Kong e qui risaltano ancora di più le divergenze di carattere. Walter Fane è un uomo innamoratissimo della moglie, ma è noioso e banale, con un ulteriore particolare, è anche un uomo di poche parole. Per capire meglio la differenza tra i due, lei loquace e lui poco incline ai discorsi, nel romanzo c’è una frase molto celebre. Kitty cerca di iniziare un discorso col marito, lei parlava ma lui non rispondeva perché non aveva nulla da dire, così Kitty esprime questo concetto:

Ma se la gente parlasse solo quando ha qualcosa da dire, rifletteva Kitty, sorridendo, il genere umano perderebbe presto l’uso della lingua” (pag.40). 

Durante il soggiorno ad Hong Kong, Kitty conosce ed instaura una relazione extraconiugale con il vice segretario della colonia Charles Townsend, un uomo sposato e incline all’infedeltà ma non disponibile a lasciare la ricca moglie Dorothy. I due amanti vivono la loro relazione adulterina ignorando il fiuto di Walter e, in caso in cui intuisca, non si preoccupano tanto perché lo considerano troppo codardo per intervenire e farsi rispettare. Ma si sbagliano.
 
Walter scopre l’infedeltà della moglie e per risolvere il problema pone duramente le sue condizioni. La prima consiste nel concedere il divorzio, senza creare uno scandalo, solo se Charlie scioglie il suo per sposarla entro una settimana dalla sentenza di divorzio. La seconda soluzione, se accettata, comporta un alto rischio in termini di salute perché dovrà seguirlo a Mei-Tan-Fu, un luogo che si trova su un affluente del Fiume Occidentale e dove c’è un’epidemia di colera. Kitty incontra subito l’amante per esporre ciò che propone il marito, ma Charlie non può divorziare perché aspira a diventare governatore coloniale e se dovrà abbandonare il suo servizio dovrà mettersi in affari in Cina solo con l’appoggio e con l’aiuto della moglie. Kitty, dopo aver ascoltato le considerazioni del suo amante e non avendo altre alternative, decide di accompagnare e vivere con il marito nel luogo contaminato dal colera.
Rincasando, dopo aver lasciato l’amante, si accorge che il marito ha già preparato le valigie per tutti e due perché aveva già immaginato come avrebbe reagito il vicesegretario, e poi non c’è tempo da perdere: deve sostituire il missionario medico morto già da pochi giorni e lui si è offerto volontario; partono subito.
 
Il viaggio e i mezzi di trasporto non sono confortevoli, Walter non parla mai, legge ininterrottamente e rompe il silenzio solo in rare occasioni. Per giorni interi percorrono stradicciole in mezzo a immense risaie, durante il lungo viaggio si riposano in locande e partono all’alba in portantine: Kitty apre il corteo, segue il marito e poi una fila sparsa di coolie con i bagagli e le provviste. Kitty arriva a destinazione stremata dal lungo viaggio e subito conosce Maddington, il vice sovrintendente della dogana, un uomo di 40 anni, bruttino, che vive con la sua compagna, una donna manciù.
 
Maddington nota una fragilità nel carattere di Kitty, la vede stanca, pallida ed infelice; rispetta il batteriologo ma non capisce perché non guardi mai la moglie o per quale ragione quando parla sembra che la voce non sia la sua ma di un altro; per lui i coniugi Fane, in sua presenza, recitano una parte e sospetta della loro particolare situazione.
 
Il dottor Fane constata che l’epidemia di colera è inarrestabile, sono tutti in pericolo, le persone muoiono a decine; l’unica arma a loro disposizione, oltre al vaccino, consiste nel non mangiare cibi crudi e bollire l’acqua. Walter lavora duramente, esce la mattina presto, torna a casa solo per pranzare e rincasa la sera tardi, praticamente ha il tempo necessario solo per mangiare e per dormire pochissime ore.
Kitty passa le giornate in solitudine, riesce a rompere la monotonia solo dopo che conosce le suore francesi del convento destinato all’orfanotrofio e all’ospedale. Il compito delle suore è quello di assistere i malati e gli  orfani, anche se realmente la loro occupazione è quella di convertire i bambini e trasformarli in buoni cristiani.
 
Una notte, Maddington sveglia Kitty per informarla che Walter si è ammalato di colera, la situazione è gravissima, lo assistono, ma muore dopo aver pronunciato una frase tratto dall’ultimo verso dell’Elegia di Oliver Goldsmith “a morire fu il cane”. Nella nota del libro, a pag. 90, si chiarisce il significato “la ballata racconta di un cane che litiga col padrone e lo morde; tutti credono che il cane sia idrofobo, e che il padrone morirà; ma l’uomo guarisce, e the dog it was that died”.
 
Dopo il funerale del marito, Kitty torna ad Hong Kong e viene ospitata da Dorothy. Charles la riconquista, ma per poco tempo. Ritornando in Gran Bretagna, durante il viaggio, riceve la lettera del padre per informarla che la madre è morta. Kitty, tornata dal padre, decide di vivere con lui e di seguirlo perché è stato nominato Presidente del tribunale alle Bahama.

“Il velo dipinto” è un bel libro, la scrittura è delicata, ma non banale e conquista dal primo istante. La storia si concentra sull’incapacità di comunicare, sui comportamenti e le incomprensioni delle persone. L’incertezza sulle reali intenzioni di Walter Fane ci accompagna durante la lettura; il suo obbiettivo non traspare nelle sue parole e potrebbe essere una macchinazione per riconquistare la moglie, oppure un reale disegno criminale per mascherare un omicidio con codardia perché il killer è il colera; solo che chi materialmente decide chi deve morire è l’epidemia e non l’uomo, e infatti Kitty uscirà indenne dal fantomatico complotto. 
 
Dal libro sono stati tratti dei film: il più ammirato è quello interpretato da Greta Garbo, ma non avendolo visto non posso esprimere giudizi. Ho visto il film diretto da John Curran con Naomi Watts, Edward Norton e Diana Rigg. Il film è ben fatto, la fotografia, la sceneggiatura e l’ambientazione mi sono piaciuti. Guardandolo si distingue per la colonna sonora, e spicca soprattutto la musica di Erik Satie. Alcune parti divergono dal libro, è ambientato in un luogo diverso, Hong Kong diventa Shanghai, inoltre si trascurano alcune parti, come il finale, la morte della madre o il nuovo incarico del padre.

Consiglio sia il libro che il film.

Nella copertina c'è una scena del film con Naomi Watts.
   
 Il trailer



La colonna sonora
 
 
 
 

Scheda del libro. Titolo: Il velo dipinto. Autore: W. Somerset Maugham. Lingua originale: inglese. Titolo originale: The Painted Veil. Traduzione: Franco Salvatorelli. Casa editrice: Gli Adelphi. Anno di pubblicazione: 2012, seconda edizione. Pagine: 234. Prezzo di copertina: € 10,00. Genere: romanzo. Copertina: Naomi Watts in un’inquadratura del film. 
 
 
Scheda del film. Titolo: Il velo dipinto. Anno: 2006. Durata: 125 min. Genere: drammatico. Regista: John Curran. Sceneggiatura: Ron Nyswaner. Musiche: Alexandre Desplat. Fotografia: Stuart Dryburgh. Paese: USA. Cast: Naomi Watts  (Kitty Garstin), Edward Norton (Walter Fane),  Liev Schreiber (Charlie Townsend), Diana Rigg (Madre Superiora), Toby Jones (Waddington). Doppiatori italiani: Barbara De Bortoli (Kitty) e Massimo De Ambrosis (Walter).

2 commenti:

  1. Grazie ancora per il libro ricevuto in dono.Al più presto leggerò anche il succitato,così brillantemente recensito.Buona Pasqua di Risurrezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho amato tantissimo questo libro; lo stile dello scrittore cattura dalla prima pagina fino all’ultima riga, la storia e l’ambientazione non è banale, come i dialoghi dei protagonisti. Cia carissima e Buone Feste.

      Elimina